Blog
News

Idee, notizie, link, articoli, libri e proposte selezionate dal nostro staff o inviate dai nostri collaboratori

Locandina Tavola rotonda 12 feb 19401

Si terrà venerdì 12 febbraio, alla Facoltà di Ingegneria dell'Università "Tor Vergata" (in via del Politecnico, a Roma) l'incontro "Le nuove sfide per la psicologia delle emergenze. Terrorismo, contesti di guerra, migrazioni", dalle 15 alle 18. Sono previsti i seguenti interventi: Rita di Iorio (del Centro Alfredo Rampi), "Il ruolo degli psicologi delle emergenze"; Roberto Mugavero (Osdife, "Gli attuali scenari del terrorismo internazionale");Alessandra Ceracchi (Ares118, "Maxi-emergenze, gestione intervento psicologico nel Lazio"); Federico Cellini(Save the children Italia, "Esperienze con i migranti in frontiera"); Luisa Carini (Università La Sapienza Roma, "Missioni umanitarie in contesti di guerra"); Michele Grano (Psic Ar, "La formazione pèer gli operatori dell'emergenza")...
L'ingresso è gratuito ma, per agevolare l'organizzazione, è gradita la prenotazione allo 06/77208197, via mail, a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Fonte: Protezione Civile

psychology

L’anno nuovo si apre con due grandi novità per la psicologia, destinate ad avere un forte impatto sulla diffusione della professione. La prima proviene da un’aula di tribunale: il TAR del Lazio ha decretato nelle motivazioni ad una sentenza, tra le altre cose, che “il disagio psichico, anche fuori da contesti clinici, rientra nelle competenze della professione sanitaria dello psicologo”. Questo significa che è peculiarità dello psicologo prendersi cura di quei piccoli e grandi disagi della vita quotidiana che non si trattano di “patologia” ma di reazioni, emozioni, difficoltà o desideri di vivere meglio legati anche ad eventi comuni, alla normalità della vita. Dunque lo Stato afferma ancora una volta quel nuovo paradigma di sanità, orientato non solo alla cura delle malattie ma al benessere, che l’Ordine degli Psicologi propone pubblicamente già da tempo.

Nel contempo viene posto un forte accento sulla professionalità, quella garantita dalla figura dello psicologo – che possiede una formazione definita per legge ed è iscritto ad un Ordine che ne vigila l’operato – rispetto a diverse figure che, a vario titolo, vorrebbero occuparsi del disagio psicologico delle persone. La seconda novità viene dalla Regione del Veneto. Sono state presentate, a firma del Consigliere Possamai, due proposte di legge: una sull’istituzione delle Unità Operative Complesse di Psicologia nell’ambito della Sanità veneta e una sull’istituzione della figura dello psicologo di base territoriale. La prima comporterà un maggior peso e una maggiore fruibilità della psicologia nelle strutture sanitarie, la seconda una diffusione capillare degli psicologi – supportati da un fondo regionale – in luoghi molto frequentati e “quotidiani” quali gli studi dei medici di base. Entrambe le proposte di legge avranno come risultato quello di avvicinare la psicologia alle persone, renderla visibile e accessibile, e utilizzarla come mezzo per migliorare concretamente la vita quotidiana delle persone. Due novità, dunque, e nuove prospettive per una psicologia forte, diffusa e a servizio delle persone...

Fonte: LPW

glycemicindex

Lo scorso 14 Dicembre 2015 è stato approvato il “Piano per la malattia diabetica nella Regione Lazio 2016-2018”. Lo psicologo – anche grazie al contributo dell’Ordine degli Psicologi del Lazio – è stato inserito in tutti i team diabetologici presenti nei 96 centri del Lazio.

L’Ordine Psicologi Lazio ha partecipato in questo ultimo anno al “sottogruppo di coordinamento ed implementazione della rete assistenziale e sui PTDA (Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale) sulla malattia diabetica” nella relativa commissione Regionale.

L’Ordine a quel tavolo, tramite la refente Dott.ssa Barbara Longo, ha sostenuto l’inserimento e la valorizzazione della figura professionale dello psicologo nelle aree di intervento, previste dal Piano, in cui risulta necessaria la sua presenza. Presentiamo qui i principali punti in discussione che riguardano il ruolo dello psicologo nel trattamento del diabete.

Il Piano è stato condiviso con le società scientifiche e le associazioni dei malati e ha come obiettivo quello di garantire una migliore programmazione e sistematizzazione su tutto il territorio dei servizi anche in base a quanto previsto dal Piano Nazionale Diabete.

Un po’ di numeri.

Nel Lazio la prevalenza del diabete al 31 dicembre 2013 è del 10,3% con un tasso che varia tra le ASL da un minimo di 8,9% a un massimo di 12% negli uomini e da un minimo di 6,4% a un massimo di 10,6% nelle donne. Le persone adulte con diabete sono circa 372.196 e per l’età pediatrica 0-18 circa 2.543.

Cosa prevede il piano?

In particolare la “gestione integrata” del paziente per rendere le cure più efficaci ed efficienti: saranno attivati percorsi diagnostici terapeutici assistenziali (PDTA), personalizzati e differenziati a seconda del grado di complessità della malattia.

L’assistenza alle persone con diabete necessita del concorso operativo sia delle cure primarie (in primo luogo dei Medici di Medicina Generale) che dell’assistenza pluridisciplinare e pluriprofessionale operante nelle strutture specialistiche territoriali ed ospedaliere. In questo lavoro di equipe trova evidentemente spazio anche lo psicologo, insieme ad altri professionisti implicati in questa area di cura: operatori dei distretti sanitari, medici specialisti delle specialità coinvolte, podologi operanti sul territorio, infermieri, dietisti, educatori.

Qual è  e sarà il ruolo dello Psicologo nel team diabetologico?

La figura dello psicologo, all’interno del team multidisciplinare di una Struttura Diabetologica, favorisce la possibilità di condividere le varie fasi di adattamento del paziente alla sua patologia, favorendone l’aderenza al percorso terapeutico, nei diversi modi e fasi del ciclo di vita: in età evolutiva, età giovanile, età adulta, con particolare attenzione alla gestione del diabete in gravidanza, prevenzione delle complicanze connesse alla malattia e, qualora esse siano presenti, alla gestione multidisciplinare delle stesse. Inoltre, lo psicologo svolge la funzione di facilitatore nell’assistenza ai pazienti stranieri, attraverso la realizzazione di percorsi specifici di ascolto e di integrazione territoriale. La dimensione psicologica trova una sua forte peculiarità e possibilità di realizzazione all’interno del modello di cura Chronic Care Model (CCM), che prevede un coinvolgimento proattivo sia del paziente, sia della famiglia, al fine di una completa condivisione del processo di cura. A tal riguardo, le organizzazioni sanitarie devono ricorrere a tutte le risorse disponibili di comunità che valorizzino l’autogestione, i team multidisciplinari, il supporto alle decisioni... (clicca su Leggi tutto)

aba bimba

 

AD OTTOBRE IN OCCASIONE DEL MESE DEL BENESSERE 2015, OFFICINADELLAMENTE.COM applica uno SCONTO DEL 50% sul SEMINARIO interattivo "CONOSCIAMO L'AUTISMO".

Costo: 30€ anzichè 60€ (50% di sconto)

Le date: Sabato 12 o 19 Dicembre.

Durata: 4 ORE (10,00-14,00).

La sede: Roma, via Etruria - Zona San Giovanni/Re di Roma

Posti disponibili: N. 10.

Il seminario tratta i "CONCETTI DI BASE SULL'AUTISMO" il primo dei tre moduli del workshop "METODO ABA PER L'AUTISMO-WORKSHOP INTRODUTTIVO", approfondendo principalmente le seguenti tematiche:

- cosa è l'autismo

- cenni storici sull'autismo

- teorie, diagnosi e trattamenti

- prospettive per il futuro

Per prenotarsi è necessario inviare richiesta e cv a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  indicando come oggetto "Seminario Autismo" e la data di interesse.

I 10 partecipanti selezionati riceveranno conferma dell'avvenuta iscrizione. 

Difficoltà di apprendimento e motivazione: un intervento sulle strategie di studio
 

Negli ultimi anni si va sempre di più delineando un approccio che consideri le componenti emotive e motivazionali dell’apprendimento: emozioni, attribuzioni, convinzioni, motivazione e autopercezione. Questo lavoro considera alcuni aspetti dell’apprendimento che riguardano gli stili motivazionali e le componenti emotive dello studio.

Introduzione

Sono ormai numerose le ricerche che mostrano l’importanza fondamentale degli aspetti metacognitivi nello studio (De Beni, Moè e Rizzato, 2003). Il termine metacognizione, come ha suggerito Flavell a partire dagli anni ‘70, indica la capacità di riflettere sui propri processi mentali (memoria, attenzione, ecc..), comprenderne il funzionamento, esercitando un controllo su di essi e ottimizzando le risorse (Flavell, 1978). Questa definizione è stata per molto tempo applicata a quegli aspetti della cognizione che riguardano l’attenzione, la memoria, la comprensione, il ragionamento e il problem solving...

Negli ultimi anni si va, invece, sempre di più delineando un approccio che consideri, oltre agli aspetti sopra citati, anche le componenti emotive e motivazionali dell’apprendimento: emozioni, attribuzioni, convinzioni, motivazione e autopercezione (De Beni, Moé, 200).

Questo lavoro considera alcuni aspetti dell’apprendimento che riguardano gli stili motivazionali e le componenti emotive dello studio:

  • L’importanza di un atteggiamento strategico funzionale e flessibile:
  • Le teorie implicite sull’intelligenza e sulla personalità;
  • Gli obiettivi di apprendimento e le diverse percezioni di abilità che possono svolgere un ruolo determinante nella motivazione allo studio...

GENITORI

 

"L'iperprotettività dei genitori verso i figli, soprattutto durante il periodo dell'infanzia e della crescita, può causare loro dei danni psicologici permanenti da adulti". A mettere in guardia le mamme e i papà dall'essere troppo apprensivi è una nuova ricerca, pubblicata sul Journal of Positive Psychology, una delle più vaste su questo tema. Gli studiosi hanno seguito più di 5000 persone fin dalla loro nascita, nel 1946: dall'analisi è emerso che i partecipanti cresciuti senza genitori troppo "opprimenti"erano proprio quelli che risultavano avere il punteggio più alto in sondaggi riguardanti la felicità e il loro benessere generale.

Se è noto da tempo quanto l'infanzia abbia profondi effetti sulla crescita di un individuo, la ricerca è una delle prime a "calcolare" sul lungo periodo l'impatto di alcuni comportamenti da parte dei genitori. Al contrario di alcuni studi precedenti, secondo i quali i figli con legami molto stretti con madri e padri sono più predisposti a creare una relazione forte con il partner, dagli esperimenti condotti dai ricercatori della University College London è emerso che i più "infelici" erano proprio i volontari che, intervistati all'età di circa quarant'anni, ricordando l'infanzia descrivevano la mamma e il papà come iperprotettivi.

"Un controllo costante, psicologico, sui bambini può limitare la loro indipendenza e può, infine, farli sentire meno capaci di regolare il proprio comportamento in base alle situazioni", spiegano gli studiosi. Invadere la loro privacy o prendere decisioni al posto loro può aumentare il bisogno da parte del piccolo di una o di entrambe le figure genitoriali. Ma ciò non significa lasciare fare ai figli ciò che più vogliono: nessuna ripercussione a livello psicologico c'è stata sui bambini ai quali i genitori ogni tanto vietavano di uscire fuori a giocare.

"I genitori sono vitali per il benessere mentale delle future generazioni - spiega l'autore dello studio, il professor Mai Stafford della Medical Research Council’s Lifelong Health and Ageing unit dell'università inglese -. Da questo punto di vista bisognerebbe ridurre le pressioni economiche e di altro tipo sulle mamme e sui papà, in modo che possano dedicarsi a creare una relazione migliore con i loro figli, senza eccessi".

Fonte:www.huffingtonpost.it

sexting 660x350

Sono sempre di più i ragazzi italiani attratti dal sexting, ovvero l’atto di inviare dei messaggi e immagini piccanti e sessualmente espliciti attraverso i propri cellulari: a rivelarlo sono i dati di una ricerca dell’Unione Europea rilanciati dallaFederazione Italiana Sessuologia Scientifica (Fiss), in vista dellasettimana del benessere sessualeche si terrà dal 28 settembre al 3 ottobre...

Venerdì, 11 Settembre 2015 16:14

I benefici dell'abbraccio

Scritto da

E’ incredibile come abbracciare possa fare tutto questo...

E’ la principale dimostrazione di affetto dell’essere umano, è bellissimo, ci fa stare bene e sembra il miglior modo per comunicare la nostra situazione emotiva. Basta tenere in braccio un bambino, accarezzare un animale, ma soprattutto abbracciare con affetto per attivare un profondo cambiamento benefico nel corpo. 

Perché ci piacciono tanto gli abbracci? La spiegazione sarà così positiva che da ora in avanti cercherai di abbracciare il più possibile e più a lungo...

Lunedì, 24 Agosto 2015 10:33

Progetto Clinico

Scritto da

progetto clinico

 

Al fine di creare una delle nuove sedi operative, alcuni Specialisti di OfficinaDellamente.com stanno cercando Professionisti seri (non Psicologi) affini alla Psicologia (dietisti, pediatri, logopedisti, neuropsichiatri...) interessati ad avviare uno Studio Clinico e di Formazione a Roma in zona Casal Bertone, lavorando in sinergia sulle richieste di aiuto e condividendone lo spazio oltre che le spese di affitto ed utenze (circa 350€). 


Solo se realmente interessati, potete compilare il nostro Modulo Contatti o scrivere direttamente a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

OfficinaDellaMente.com è sempre al passo coi tempi ed alla continua ricerca di approcci che portino sempre più agevolmente la psicologia tra coloro che ne fanno richiesta...

 

Da oggi i nostri Workshop direttamente a casa tua!!!

Per coloro che, fortemente motivati, non hanno la possibilità di presenziare alle date in sede, sarà possibile richiedere al docente di formulare i medesimi contenuti, con gli stessi supporti audio-video, direttamente a casa del richiedente o in una sede e data a sua scelta.

Trattandosi di individui singoli (fino a un massimo di 3 partecipanti), la durata del workshop subirà una riduzione.

Il costo a persona rimane lo stesso del workshop tradizionale e prevede il rilascio di un Attestato.

 

Scegli uno dei tanti Workshop di OfficinaDellaMente.com!

Pagina 1 di 3

Newsletter

Per ricevere notizie e informazioni da OfficinaDellaMente.com

Calendario Eventi

Informazioni?

Se desideri maggiori informazioni sui nostri corsi o hai bisogno di una quotazione, inviaci una email. Ti risponderemo prestissimo! 

Invia e-mail...

Scroll Up UA-25089555-1