glycemicindex

Lo scorso 14 Dicembre 2015 è stato approvato il “Piano per la malattia diabetica nella Regione Lazio 2016-2018”. Lo psicologo – anche grazie al contributo dell’Ordine degli Psicologi del Lazio – è stato inserito in tutti i team diabetologici presenti nei 96 centri del Lazio.

L’Ordine Psicologi Lazio ha partecipato in questo ultimo anno al “sottogruppo di coordinamento ed implementazione della rete assistenziale e sui PTDA (Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale) sulla malattia diabetica” nella relativa commissione Regionale.

L’Ordine a quel tavolo, tramite la refente Dott.ssa Barbara Longo, ha sostenuto l’inserimento e la valorizzazione della figura professionale dello psicologo nelle aree di intervento, previste dal Piano, in cui risulta necessaria la sua presenza. Presentiamo qui i principali punti in discussione che riguardano il ruolo dello psicologo nel trattamento del diabete.

Il Piano è stato condiviso con le società scientifiche e le associazioni dei malati e ha come obiettivo quello di garantire una migliore programmazione e sistematizzazione su tutto il territorio dei servizi anche in base a quanto previsto dal Piano Nazionale Diabete.

Un po’ di numeri.

Nel Lazio la prevalenza del diabete al 31 dicembre 2013 è del 10,3% con un tasso che varia tra le ASL da un minimo di 8,9% a un massimo di 12% negli uomini e da un minimo di 6,4% a un massimo di 10,6% nelle donne. Le persone adulte con diabete sono circa 372.196 e per l’età pediatrica 0-18 circa 2.543.

Cosa prevede il piano?

In particolare la “gestione integrata” del paziente per rendere le cure più efficaci ed efficienti: saranno attivati percorsi diagnostici terapeutici assistenziali (PDTA), personalizzati e differenziati a seconda del grado di complessità della malattia.

L’assistenza alle persone con diabete necessita del concorso operativo sia delle cure primarie (in primo luogo dei Medici di Medicina Generale) che dell’assistenza pluridisciplinare e pluriprofessionale operante nelle strutture specialistiche territoriali ed ospedaliere. In questo lavoro di equipe trova evidentemente spazio anche lo psicologo, insieme ad altri professionisti implicati in questa area di cura: operatori dei distretti sanitari, medici specialisti delle specialità coinvolte, podologi operanti sul territorio, infermieri, dietisti, educatori.

Qual è  e sarà il ruolo dello Psicologo nel team diabetologico?

La figura dello psicologo, all’interno del team multidisciplinare di una Struttura Diabetologica, favorisce la possibilità di condividere le varie fasi di adattamento del paziente alla sua patologia, favorendone l’aderenza al percorso terapeutico, nei diversi modi e fasi del ciclo di vita: in età evolutiva, età giovanile, età adulta, con particolare attenzione alla gestione del diabete in gravidanza, prevenzione delle complicanze connesse alla malattia e, qualora esse siano presenti, alla gestione multidisciplinare delle stesse. Inoltre, lo psicologo svolge la funzione di facilitatore nell’assistenza ai pazienti stranieri, attraverso la realizzazione di percorsi specifici di ascolto e di integrazione territoriale. La dimensione psicologica trova una sua forte peculiarità e possibilità di realizzazione all’interno del modello di cura Chronic Care Model (CCM), che prevede un coinvolgimento proattivo sia del paziente, sia della famiglia, al fine di una completa condivisione del processo di cura. A tal riguardo, le organizzazioni sanitarie devono ricorrere a tutte le risorse disponibili di comunità che valorizzino l’autogestione, i team multidisciplinari, il supporto alle decisioni... (clicca su Leggi tutto)

Pubblicato in News
Mercoledì, 30 Settembre 2015 20:49

CONOSCIAMO L'AUTISMO - SEMINARIO INTERATTIVO

aba bimba

 

AD OTTOBRE IN OCCASIONE DEL MESE DEL BENESSERE 2015, OFFICINADELLAMENTE.COM applica uno SCONTO DEL 50% sul SEMINARIO interattivo "CONOSCIAMO L'AUTISMO".

Costo: 30€ anzichè 60€ (50% di sconto)

Le date: Sabato 12 o 19 Dicembre.

Durata: 4 ORE (10,00-14,00).

La sede: Roma, via Etruria - Zona San Giovanni/Re di Roma

Posti disponibili: N. 10.

Il seminario tratta i "CONCETTI DI BASE SULL'AUTISMO" il primo dei tre moduli del workshop "METODO ABA PER L'AUTISMO-WORKSHOP INTRODUTTIVO", approfondendo principalmente le seguenti tematiche:

- cosa è l'autismo

- cenni storici sull'autismo

- teorie, diagnosi e trattamenti

- prospettive per il futuro

Per prenotarsi è necessario inviare richiesta e cv a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  indicando come oggetto "Seminario Autismo" e la data di interesse.

I 10 partecipanti selezionati riceveranno conferma dell'avvenuta iscrizione. 

Pubblicato in News
Difficoltà di apprendimento e motivazione: un intervento sulle strategie di studio
 

Negli ultimi anni si va sempre di più delineando un approccio che consideri le componenti emotive e motivazionali dell’apprendimento: emozioni, attribuzioni, convinzioni, motivazione e autopercezione. Questo lavoro considera alcuni aspetti dell’apprendimento che riguardano gli stili motivazionali e le componenti emotive dello studio.

Introduzione

Sono ormai numerose le ricerche che mostrano l’importanza fondamentale degli aspetti metacognitivi nello studio (De Beni, Moè e Rizzato, 2003). Il termine metacognizione, come ha suggerito Flavell a partire dagli anni ‘70, indica la capacità di riflettere sui propri processi mentali (memoria, attenzione, ecc..), comprenderne il funzionamento, esercitando un controllo su di essi e ottimizzando le risorse (Flavell, 1978). Questa definizione è stata per molto tempo applicata a quegli aspetti della cognizione che riguardano l’attenzione, la memoria, la comprensione, il ragionamento e il problem solving...

Negli ultimi anni si va, invece, sempre di più delineando un approccio che consideri, oltre agli aspetti sopra citati, anche le componenti emotive e motivazionali dell’apprendimento: emozioni, attribuzioni, convinzioni, motivazione e autopercezione (De Beni, Moé, 200).

Questo lavoro considera alcuni aspetti dell’apprendimento che riguardano gli stili motivazionali e le componenti emotive dello studio:

  • L’importanza di un atteggiamento strategico funzionale e flessibile:
  • Le teorie implicite sull’intelligenza e sulla personalità;
  • Gli obiettivi di apprendimento e le diverse percezioni di abilità che possono svolgere un ruolo determinante nella motivazione allo studio...
Pubblicato in News
Mercoledì, 12 Marzo 2014 11:23

OFFERTE di MARZO Sos(Psico)Tata!

 

OFFERTE MARZO 2015 - SOS (PSICO)TATA

 

- PACCHETTO BASE: 3 giorni 15H----> 350€  anziché  1000€

- PACCHETTO FULL: 5 giorni (25H)--> 700€ anziché  1500€

CONSULENZA SPECIALISTICA:  3 ore (anzichè 2 ) -->150€

- CONSULENZA ON LINE SPECIALISTICA: 3 contatti via e-mail-->100€ anzichè  150€

Pubblicato in News
Martedì, 12 Marzo 2013 11:45

ENTRA IN OFFICINADELLAMENTE.COM!

Pubblicato in News

 

Il nuovo ambulatorio specialistico di Ispra offre ai giocatori e alle loro famiglie un aiuto su tutti i fronti dalle cure mediche all'assistenza legale.

 

 

Per uscire dalla dipendenza dal gioco d'azzardo c'è lo piscologo, ma anche l'avvocato e l'amministratore di sostegno. Nel nuovo ambulatorio specialistico, inaugurato oggi a Ispra, giocatori e familiari potranno ricevere un supporto su tutti i fronti da quello psicologico a quello legale. Il servizio è promosso dall'Associazione AND-Azzardo e Nuove Dipendenze, su finanziamento della Regione Lombardia e in collaborazione con il Comune di Ispra (che ha messo a disposizione gratuitamente i locali). L'ambulatorio offrirà prestazioni gratuite di consulenza, cure psicologiche e mediche, sostegno sociale ed educativo, supporto legale e finanziario, tutoraggio e ricostruzione del debito, informazioni e supporto al disbrigo delle pratiche per accedere all’amministrazione di sostegno.
L’ambulatorio si rivolge in particolare ai cittadini residenti nei territori della provincia di Varese e Como. Tuttavia, stante la specificità dell’offerta, si prevede di accogliere anche utenti provenienti da qualsiasi provincia della Lombardia.
 Nell’ambulatorio opera una equipe multidisciplinare integrata (medici, psicologi, educatori, assistenti sociali, amministratori di sostegno, consulenti legali e finanziari), al fine di proporre agli utenti e ai loro familiari percorsi specifici e personalizzati in base all’inquadramento diagnostico svolto in fase di ingresso. 

Il servizio è organizzato su due sedi:
ISPRA - via Madonnina del Grappa, 30 (presso Centro Diurno Anziani del Comune, 1° piano)
COMO - Via Cadorna 10 (presso NOA – ASL Como)
Le prestazioni verranno erogate su appuntamento il lunedì dalle 17.00 alle 20.00 (solo a Como); dal martedì al giovedì dalle 17.00 alle 20.00; il venerdì dalle 14.00 alle 20.00 (Solo ad Ispra) e il sabato dalle 9.00 alle 18.00. Per informazioni e appuntamenti: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ; tel. 342.0974876

 

 

Fonti: http://www3.varesenews.it/salute/psicologi-e-avvocati-per-vincere-la-dipendenza-da-gioco-253484.html

Pubblicato in News

Bari – SOTTOSCRITTI stamane a Bari i Protocolli d’Intesa tra la Protezione Civile regionale gli Ordini degli Ingegneri delle sei province, l’Associazione Farmacisti Volontari Puglia, l’Associazione “Psicologi per i Popoli – Bari e Bat” e l’Organizzazione “Società Italiana di Psicologia dell’emergenza- SIPEM – SOS Puglia” per l’attività di prevenzione, monitoraggio e verifica per la mitigazione dei rischi insistenti sul territorio regionale e per la cooperazione in situazioni di emergenza. “Oggi abbiamo messo insieme – ha detto l’assessore regionale alla Protezione civile – tutti quegli ambiti professionali in grado di dare risposte ad una condizione di emergenza, ma soprattutto a coltivare la prevenzione.

C’è un mondo vasto di associazioni e professionalità, tutte opportunamente organizzate, che è importante convoglino nel contenitore unico della Protezione civile perchè solo così è possibile affrontare con facilità e immediatezza le condizioni di difficoltà. Abbiamo deciso di coinvolgere nel sistema di Protezione civile tutti quegli ordini professionali che in qualche modo hanno interloquito con noi negli ultimi mesi, affinchè si costruisca un sistema con un forte valore educativo, che raccolga professionalità ed esperienze per costruire buone pratiche di prevenzione attraverso un dialogo forte e intenso dal punto di vista organizzativo.

Accogliamo di buon grado iniziative di collaborazione come questa, nella speranza di affermare una nuova scala delle priorità per i moderni, che troppo spesso non riescono a trasferire e riprodurre negli atti amministrativi e quotidiani la scala dei da assoggettare a protezione. Registriamo oggi una costante impennata della curva del rischio, data da una condizione di avanzamento delle scienze che ha portato gli uomini ad applicarsi nelle attività utilizzando in modo molto più incisivo la terra, e per questo c’è bisogno di mettere insieme il mondo scientifico. Sottoscrivere dunque un disciplinare con i farmacisti, gli psicologi e gli ingegneri non significa solo che allo scoccare dell’ora della emergenza saranno tutti convocati ed agire in base alle proprie competenze, piuttosto costruire un’avanguardia scientifica che all’interno del sistema di Protezione civile ripristini la scala dei valori e affronti le sfide nuove che la modernità ci pone, educando condotte individuali d’avanguardia”. “I protocolli – ha detto il dirigente regionale del Servizio di Protezione civile – sanciscono la volontà di collaborare di tutti i soggetti coinvolti. In ognuno di essi è specificato che saranno poi redatti dei documenti operativi che meglio delineeranno le forme della collaborazione. Si tratta di due tipi di protocolli d’intesa, che definiscono due modalità procedurali: con i geologi, con i quali abbiamo già precedentemente sottoscritto un disciplinare, e con gli ingegneri potremo operare molto sulla prevenzione dei danni provocati dagli eventi, mentre con le associazioni dei farmacisti e deglipsicologi svilupperemo un’attività che si occuperà direttamente della salvaguardia della vita dei singoli cittadini interessati dagli eventi di emergenza. Stiamo costruendo un sistema di Protezione civile in cui ciascuna professionalità conosce le altre componenti e i relativi compiti, in un virtuoso sistema di interazione”.

Fonte: http://www.statoquotidiano.it/28/01/2013/protezione-civile-sottoscritti-protocolli-con-ingegneri-farmacisti-e-psicologi/124778/

Pubblicato in News

Newsletter

Per ricevere notizie e informazioni da OfficinaDellaMente.com

Calendario Eventi

Informazioni?

Se desideri maggiori informazioni sui nostri corsi o hai bisogno di una quotazione, inviaci una email. Ti risponderemo prestissimo! 

Invia e-mail...

Scroll Up UA-25089555-1